L’alchimia del sole

L’alchimia del sole

Offeso e sedotto l’uomo d’Inverno
al cielo offerse senza compianto
onta sublime e amarissimo scherno
in lui fioriendo empietà e vanto

Cheta che fu la lingua dannata
scorse il suo orecchio soave bisbiglio
voce composta per nulla adirata
nel cuore dell’uomo indusse scompiglio

Come la luce mutò il piombo
non è dato all’uomo sapere
destino del lampo è precedere il rombo
l’Essere detta e non chiede parere

Leggi anche: quando sarò giovane


Condividi questo articolo :)
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta per partecipare alla discussionex