Gli animali delle caverne acquatiche

Gli animali delle caverne acquatiche

Gli animali delle caverne sono l’enigma del sogno che mi appresto a raccontare.
Nel sogno entravo in un luogo sotterraneo, una specie di caverna, per combattere una battaglia. La battaglia procedeva come fosse un videogioco. Non riesco a combattere tutti i nemici, ma ne vinco la maggior parte.

Ho sentito che in breve tempo il male avrebbe raggiunto un potere immenso, ma che da quel potere sarebbe nata anche la luce. L’idea mi commuoveva. 

Quindi, un saggio che mi accompagnava nella battaglia, mi spiegava come una voce narrante che quando osserviamo uno squalo con una vittima umana, quella vittima non è necessariamente l’uomo che noi vediamo, è la somma di tanti animali provenienti dalle loro caverne acquatiche che a noi appaiono come l’uomo dilaniato. Il saggio non dava segni di preoccupazione per il fatto che avessi mancato di vincere qualche nemico in battaglia.
Ciò che capivo nel sogno è che fosse possibile rompere la dualità bene / male è che infine sarebbe stato tutto luce, senza dualismi. Inoltre sapevo che il saggio mi stava passando il testimone. 

Nel sogno era tutto estremamente ovvio, ma dopo appena qualche secondo dal risveglio mi è parso assurdo che un uomo divorato da uno squalo sia un insieme di pesci.

Prima del sogno mi trovavo in una casa deformata (la mia casa a Scauri ma diversa) e c’erano due belle ragazze ad aprirmi la porta coi loro genitori. Io ero andato per verificare che fosse tutto in ordine. Si lamentavano del fatto che sopra ci fossero dei gangster rumorosi. Io potevo immaginare che fossero inglesi e rispondevo in inglese. Credo di aver risposto consigliando di sopportare i vicini molesti. Poi qualcuno sviene.

Elementi recenti

Scrivo dopo qualche giorno. L’unico elemento recente che mi passa per la testa è la lingua inglese, perché dovrò sbrigare una imminente faccenda in lingua inglese.
Per il resto brancolo nel buio.
Forse il giorno precedente mi ero imbattuto in una discussione a proposito del potenziale vitale degli spermatozoi. Non ci giurerei.

Possibile interpetazione freudiana

Stavolta non ne ho idea. Un approccio freudiano suggerirebbe che i pesci delle caverne acquatiche siano gli spermatozoi. Lo squalo potrebbe rappresentare l’organo femminile. Non è chiaro come l’uomo (chi?) dovrebbe risultare dalla somma di copiosi spermatozoi.
E’ totalmente assurdo. Eppure, durante il sogno, tutto appariva così ovvio.

Possibile interpretazione junghiana

L’archetipo del saggio o delle stregone è uno dei dodici archetipi junghiani.
La caverna nella tradizione simboleggia l’iniziazione, la transizione da uno stato dell’essere all’altro.
L’evoluzione presuppone una prova. Avendo superato la prova, il saggio (lo stregone) mi passa il testimone.

Riflessioni

Ciò che sempre più appare evidente è che durante il sogno la coscienza risulti amplificata.
Quando il saggio mi ha parlava degli animali nelle loro caverne acquatiche, avvertivo di essere stato messo a parte di una illuminante verità, al punto che nel sogno provavo gratitudine e commozione. Appena aperti gli occhi, ciò che in principio appariva ovvio, si frammentava. Sembrava che la mente fosse condotta dalla luce alle ombre. Come può un uomo essere la somma degli animali nelle caverne acquatiche? Enigma.

L’unico punto fermo è che lo spirito abbia parlato all’anima, che è stata trasformata, e quando l’io è tornato a prevalere ha provato a osservare un evento filtrandolo a mezzo delle proprie categorie, mal riuscendovi.
Il sospetto è che i sogni non vengano per l’io.

Ulteriore tentativo di interpretazione:
l’uomo dilaniato dallo squalo (l’uomo azzannato dalla società?) non è personalmente responsabile del male che ha incontrato, perché la sua condotta dipende dai demoni (i costrutti sociali e le altre persone) che ha incontrato nel corso della sua vita.

Condividi questo articolo :)
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta per partecipare alla discussionex