Da crisalide a farfalla

Da crisalide a farfalla

Da crisalide a farfalla.

Al partito non interessa perpetuare il proprio sangue bensì perpetuare se stesso. Chi esercita il potere non è importante, a patto che la struttura gerarchica rimanga sempre la stessa.

George Orwell, 1984

Impero!
E’ certo che è cambiato, ma il tempo non è niente
gli uomini d’allora si troveranno sempre
ne nasceranno ancora, ne sono sempre nati

Già l’uomo ti dimentica, non te ne importa niente
non è lui che ti fa vivere, sei eterna come l’aria!

Impero – Intolleranza

L’essenza più profonda della tecnica non è nulla di tecnico

Martin Heidegger, Die frage nach der technik

Cosa accomuna un romanzo distopico, una canzone degli Intolleranza e un manoscritto sulla tecnica di Martin Heiddeger?
E cosa c’entrano crisalide a farfalla?

Facciamo un passo indietro. In un precedente articolo ricamavo i principi generali che sostengono l’architettura semantica dell’io. Essi sono logicamente equivalenti ai meccanismi di funzionamento delle moderne intelligenze aritificiali. Avendo chiaro cosa lo scrivente intenda per io, è evidente che questi possa predicarsi di attributi piuttosto basilari. In un’ottica riduzionista, esso potrà limitarsi alla sola capacità di estrarre parti dal tutto.

Ciò premesso, proponiamo una definizione e un assioma proprio per meglio approfondire la questione.

Definizione *) diremo “eggregora” una entità collettiva originatasi dalla coesione di più parti, risultando al termine del processo indipendente dagli essenti partecipanti la sua costruzione.

Assioma **) La finalità dell’eggregora è la propria sopravvivenza

Sineddoche

Ho più volte richiamato l’immagine del formicaio di Hofstadter. Una inconsapevole comunità di formiche collabora senza alcuna comprensione del proprio ruolo per costruire una ignara collettività la cui esistenza prescinde dalle formiche che la compongono. La complessità e le sfumature empiriche della impostazione concettuale sono affatto intriganti e lo sono al punto da essere tentati di attribuire al formicaio più che alla formica velleità egoiche. Invitiamo il lettore ad applicare la definizione * tanto alla formica quanto al formicaio e stabilire quale dei due enti intenzionati sia una eggregora.

Sinestesia

Sennonché, la compresenza di più enti vantanti caratteristiche anche molto dissomiglianti può essere sufficiente a battezzare nuove eggregore. L’uomo è esso stesso una eggregora in quanto è l’insieme di più parti aventi funzioni diverse e rispondenti alla definizione *.

Simbiosi

La formica, eggregora delle sue parti, genera inconsapevolmente l’eggregora collettiva del formicaio.
La formica e il formicaio vivono in fattuale simbiosi, sicché la buona conduzione del formicaio implica una maggiore longevità per la formica operaia. Tralasciando eventi episodici ove tale proprosizione non abbia a verificarsi, le due eggregore sono in sostanziale simbiosi.

Anche l’uomo, eggregora delle sue parti, genera inconsapevolmente l’eggoregora collettiva della società umana. Fatta eccezione per alcuni caveat, anche l’uomo trae beneficio dalla collettività. E’ infatti impensabile un uomo assoluto, completamente alieno dal suo contesto sociale. Come nel caso del formicaio, anche l’uomo e la società sono eggregore simbiotiche.

L’assioma ** è anche una condizione necessaria per l’esistenza di una eggregora, se infatti l’obiettivo di questa non fosse la propria sopravvivenza, essa dissolverebbe il proprio potenziale e si annullerebbe. Dal punto di vista matematico, affinché una eggregora possa esistere è necessario che ad essa sia associata una certa retroazione negativa. Quando ciò non occorre, l’eggreggora non ha la forza
ontologica per esistere. Una eggregora non possiede pertanto sorgivamente alcuna volontà di morte.

Ipotizziamo l’esistenza di un punto di accumulazione x rappresentante lo spazio delle fasi di una certa eggregora (ossia, l’insieme non arbitrario dei parametri che determinano univocamente il comportamento della stessa ad una data occorrenza, che nei modelli di intelligenza artificiale sono i pesi della rete neurale).
Detto punto di accumulazione si predica delle seguenti due proprietà:

  • Il punto x è tempovariante

Dimostrazione: se non lo fosse l’eggregora risponderebbe staticamente (o perfino casualmente) ai successivi stimoli esterni, e ciò implicherebbe che essa non sia associata ad una retroazione negativa, cosa che contraddice le ipotesi.

  • Il punto x varia con gradualità

Dimostrazione: ogni algoritmo di regressione non può violare il suo training set, sicché, stante lo stato attuale x, lo stato x + delta_x potrà essere raggiunto solo dopo un certo numero di iterazioni, implicitamente limitate dalla impossibilità dell’io di performare un numero infinito di operazioni simultaneamente.

Necrosi

Tra gli spazi delle fasi di due eggregore tende a stabilirsi un certo equilibrio. Per fissare le idee, ipotizziamo che al tempo t l’uomo viva nello spazio delle fasi u(t), l’eggregora società vive, allo stesso tempo, nello spazio delle fasi s(t). E’ ragionevole aspettarsi che se la derivata totale di u(t) rispetto al tempo sia nulla, ovvero, se per lunghi periodi l’uomo non varia i suoi comportamenti, anche lo spazio delle fasi s della società è destinato a non subire ulteriori variazioni. E’ bene abbandonare l’antropocentrismo scientista e accettare la possibilità che anche la società, intesa come eggregora a sé stante, possa proiettare le proprie dinamiche sull’uomo.
Quando per lungo tempo due eggregore simbiotiche hanno stabilizzato il proprio spazio delle fasi, si dice che l’eggregora per cui vale la definizione * è una tradizione per la sua parte, mentre lo spazio delle fasi della eggregora si dirà archetipo.

Se una parte genera una certa eggregora e questa può prescindere dalla parte che l’ha generata, essa si dice necrotica.

Da crisalide a farfalla

Ecco cosa accomuna il partito di Orwell, l’Impero e la tecnica di Heidegger. Esse sono tutte eggregore. Esattamente al pari della farfalla, bucano la criselide delle loro parti e ne diventano indipedenti. Al lettore l’ardua sentenza di classificare le tre eggregore proposte.

Se ti è piaciuto l’articolo “Da crisalide a farfalla” svolazza qualche pixel più in basso e lascia un commento!

Condividi questo articolo :)
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Commenta per partecipare alla discussionex